LE PAROLE DEL CUORE...METTIAMOCI LA FACCIA

La danza della Pace - Dolores Olioso
00:0000:00
parole del cuore 1
parole del cuore 1
parole del cuore 3
parole del cuore 3
parole del cuore 2
parole del cuore 2
WhatsApp Image 2018-12-10 at 13.24.55
WhatsApp Image 2018-12-10 at 13.24.55
IMG-20181108-WA0002
IMG-20181108-WA0002

////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

PENSIAMO CON LE MANI

cop_la-cosa-piu-grandiosa
cop_la-cosa-piu-grandiosa

IMG_20190201_123825067
IMG_20190201_123825067

IMG-20190507-WA0000
IMG-20190507-WA0000

cop_la-cosa-piu-grandiosa
cop_la-cosa-piu-grandiosa

1/22
eugenia ingegnosa
eugenia ingegnosa

IMG_20190316_095247746
IMG_20190316_095247746

facebook_untitled
facebook_untitled

eugenia ingegnosa
eugenia ingegnosa

1/16

A mani vuote

Guizzino

Il re zoppo

Insegnare a leggere imparare a comprendere

Le insegnanti, nel corso della seconda parte dell’anno scolastico, hanno partecipato al corso di formazione INSEGNARE A LEGGERE IMPARARE A COMPRENDERE, basato sulla sperimentazione di attività laboratoriali incentrate sulla comprensione di testi ed enunciati logici. Su tali basi viene progettata un’unità di lavoro formativo  che costituisce il Compito Autentico per osservare e valutare le seguenti competenze:

  1. Competenze sociali e civiche

  2. Imparare ad imparare

  3. Comunicazione nella madrelingua o lingua di istruzione

  4. Competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia

 

DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA’:

La prima attività, denominata “Puzzle di risate”, consiste nella ricomposizione di testi umoristici precedentemente suddivisi in tre o quattro parti. La classe si divide in gruppi, che lavoreranno in cooperative learning. Come prodotto finale vengono prodotte rappresentazioni iconiche sulla base  del libro “con le finestre” A CHE PENSI di Laurent Moreau.

La seconda attività, denominata “Indovina chi…” si basa sull’utilizzo dei Figurotti, materiale strutturato elaborato da Corcione D. e Martini G., che ogni bambino deve associare ad enunciati logici che lo descrivono secondo la forma (quadrato, triangolo, cerchio), il colore (rosso, giallo, blu) e la presenza di uno-due-tre buchi. Negli enunciati sono presenti sia affermazioni sia negazioni di attributi.